Teresa Paradiso, candidata sindaco del centro destra a Santeramo in Colle, si presenta alla cittadinanza e mette in chiaro i punti fermi del suo programma di lavoro. In una biblioteca “Colonna” gremita, grazie a tanti sostenitori e simpatizzanti, la candidata ha parlato di sicurezza, decoro urbano, macchina amministrativa, lavoro, sport, cultura e gli altri temi di interesse, proponendo soluzioni concrete a problemi ormai cristallizzati da troppo tempo.

Tra gli altri, sono intervenuti a sostegno del progetto politico promosso da Azione, Udc, Cuore e Competenza, Fratelli d’Italia, Noi Moderati, Libere Energie Innovative e Le Partite Iva, l’onorevole Massimo Cassano, la senatrice Maria Nocco e il sottosegretario di Stato per la Salute, Marcello Gemmato.

Un’onda di energia positiva – esordisce Teresa Paradisodalla quale, però, deriva ora una grande responsabilità per me e per i miei compagni di viaggio. Abbiamo vissuto un momento straordinario insieme e voglio esprimere il mio più profondo ringraziamento a tutti i partecipanti che hanno riempito la sala con energia e passione. E’ stata la dimostrazione che un futuro diverso per la nostra città è possibile, anzi ormai prossimo”.

In apertura, la candidata sindaco e dirigente scolastica ha chiesto di osservare un minuto di raccoglimento in memoria di Giuseppe Cacciapaglia, il ragazzo scomparso tragicamente nel pomeriggio di sabato. “Una tragedia che colpisce, soprattutto chi come me lavora coi giovani da sempre”.

Una manifestazione incentrata sul programma per Santeramo. “Non un libro dei sogni – spiega Paradiso – ma un progetto politico concreto, che verrà attuato da una coalizione forte, stabile e coesa. Santeramo ha visto teatrini indecenti in questi ultimi anni, per questo abbiamo lavorato anche sull’individuazione delle persone giuste per attuare il programma”.

Sui punti ha fatto chiarezza sulle priorità: “Innanzitutto, intercettare fondi, locali, nazionali ed europei, per realizzare o portare a termine i lavori che la città attende inutilmente da anni. Poi, sicurezza con il ripristino e l’attivazione di sistemi di videosorveglianza, l’efficientamento della macchina amministrativa con nuovo personale e marketing territoriale per attrarre turisti in città e per aiutare le imprese, anche a internazionalizzare”.

In conclusione, Teresa Paradiso ha detto: “Abbiamo davvero tanto da recuperare per riportare Santeramo dove merita ma con l’impegno di tante donne e tanti uomini di buona volontà e con il link con il governo centrale, garantito dai rappresentanti istituzionali presenti oggi, avremo l’opportunità di raggiungere l’obiettivo, nell’esclusivo interesse delle santermane e dei santermani”.

Iscriviti al canale Whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *