Due giorni di studi e seminari a Bruxelles per il sindaco di Cellamare Gianluca Vurchio, vicecoordinatore nazionale vicario di Anci Giovani. Approfondimenti tematici su mobilità, Erasmus +, ambiente, politiche giovanili e sociali, partecipazione e, naturalmente, anche politiche energetiche. Poi la visita al Parlamento europeo e gli incontri con gli europarlamentari per implementare le relazioni istituzionali per conto del Comune.

Due giorni intensi, fatti di studi, seminari e relazioni istituzionali. Sono quelli che ha vissuto Gianluca Vurchio, sindaco di Cellamare e vicecoordinatore nazionale vicario di Anci Giovani, a Bruxelles nelle sedi di Confindustria Italia e del Parlamento europeo. Appuntamenti tematici su aspetti che andranno a caratterizzare le città del futuro, tra sostenibilità e attenzione alle politiche giovanili e sociali. Un luogo dove si concilino le esigenze di tutti, a partire da una mobilità sempre più ecosostenibile fino ad arrivare al rinnovo di programmi europei, come Erasmus+, che continuino a favorire anche la circolazione delle persone all’interno dell’Unione Europea.

Sono tornato stanco ma felice – esordisce Gianluca Vurchioperché è stato un momento di grande formazione per la funzione che ricopro. Abbiamo ascoltato e interagito con docenti di primo piano nella sede di Confindustria Italia a Bruxelles per andare a fondo su elementi che ormai fanno parte della nostra quotidianità“. Il ruolo del primo cittadino è cambiato negli anni e ormai richiede capacità e competenze che consentano a una comunità di approfittare appieno del contesto internazionale. “Il secondo giorno abbiamo potuto incontrare tutti gli europarlamentari italiani, di tutti gli schieramenti politici, con i quali abbiamo stabilito o rinforzato le relazioni internazionali. Non si può più pensare di vivere isolati, l’Unione Europea oggi è una presenza decisiva nelle politiche di sviluppo delle città, anche le più piccole come Cellamare“.

Non una visita di cortesia, quindi, ma un momento di studio e apprendimento al fine di condurre un’azione ancora più efficace per conto dell’amministrazione comunale. Conclude Vurchio: Abbiamo imparato meglio come funzionano praticamente le istituzioni europee. Questo ci tornerà utile anche per capire a fondo come procedere sui tanti tavoli aperti e per raggiungere gli obiettivi e i finanziamenti utili alla crescita di Cellamare.

Contatta ViviBari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *