Con la nomina delle cariche sociali è nata ufficialmente la Consulta della bicicletta di Capurso. Un’iniziativa fortemente voluta dall’assessora Claudia Nitti nell’ottica di un miglioramento della viabilità della città e di un maggiore impegno verso la sostenibilità ma anche verso la salute dei cittadini: “Entusiasmo e desiderio di mettere a disposizione di un gruppo, e della comunità intera, la propria professionalità e le proprie esperienze”.

Presidente sarà Francesco D’Elia, vicepresidente Elisabetta Borregine e segretario Vito Cassano. Componenti dell’assemblea sono Giuseppe Ambriola, Emanuele Caldarulo, Margherita Carbonara, Onofrio De Matteo, Rocco De Rosa, Daniele Di Fronzo, Domenico Muscatelli e Stefania Scagliola.

Parteciperanno di diritto agli incontri della Consulta: il sindaco Michele Laricchia, il sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi Mauro Vincenzo Fanelli e le consigliere comunali Arianna De Florio e Antonella Capobianco.

Il commento dell’assessora Claudia Nitti: “Entusiasmo e desiderio di mettere a disposizione di un gruppo, e della comunità intera, la propria professionalità e le proprie esperienze. E’ questa la sintesi che sento di poter riportare a seguito della prima riunione della Consulta della Bicicletta, organismo consultivo che ho proposto in Consiglio comunale – ottenendo completa approvazione – e che da oggi finalmente inizierà ad operare in autonomia per rendere i temi riguardanti la mobilità sostenibile sempre più oggetto di dibattito e condivisione” L’obiettivo, ora, è rendere attivo e sempre più partecipato questo strumento, come conferma l’assessora: “Auspico incontri, manifestazioni, suggerimenti utili – anche tecnici – che possano supportare l’Amministrazione nelle numerose scelte che riguarderanno il futuro del territorio. I miei migliori auguri all’intera Consulta affinché possa operare sempre con la stessa vivace motivazione che ho percepito nel corso di questo primo incontro. Buon lavoro“.

Contatta ViviBari

By Gennaro Del Core

Comunicatore, giornalista e consulente in relazioni pubbliche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.