fbpx

Covid: gli avvocati presentano il libro dei medici

Iniziativa dell’Ordine degli Avvocati di Bari, oggi alle 18.00 sulle pagine Facebook, Linkedin e Youtube, per presentare “Io resto in corsia”, il libro redatto dagli operatori sanitari del Policlinico.

Questo pomeriggio dalle proprie pagine sui social media, gli avvocati baresi presenteranno il libro “Io resto in corsia”, frutto dell’opera scritta e fotografica degli operatori del primo ospedale anti covid della Puglia.

A raccontare i giorni bui della prima ondata e la recrudescenza del virus in queste ultime settimane, insieme al padrone di casa e presidente del COA Bari Giovanni Stefanì, saranno il direttore generale del Policlinico di Bari Giovanni Migliore, il dirigente medico dell’Unità di Rianimazione Lidia Dalfino, il direttore dell’Unità di Medicina legale universitaria Franco Introna, la dirigente medico dell’Unità di Malattie infettive Annalisa Saracino e il responsabile della Control room Covid Silvio Tafuri. A moderare l’incontro la giornalista Francesca Russi.

Un’iniziativa con la quale gli avvocati del Foro di Bari intendono sottolineare il ruolo decisivo di tutti coloro che, in questo 2020, hanno sacrificato se stessi ed i propri cari per dedicarsi al contrasto della pandemia da covid. “Io resto in corsia” è la seconda parte di un monito rivolto a tutti i cittadini affinché affrontino il rischio di contagio con attenzione. Indossare la mascherina, restare a distanza e curare l’igiene soprattutto delle mani sono misure che magari ci faranno sentire un po’ meno liberi ma decisamente più sicuri.

Ancora una volta, poi, si vede quanto sia diventato importante nella quotidianità di tutti il mondo digitale. Chi avrebbe mai pensato di vedere pubbliche amministrazioni così all’avanguardia nel promuovere incontri classici in modalità così moderne. I social media consentono alle PA e non solo di realizzare una propria Media House, in grado di trasmettere contenuti sette giorni su sette e ventiquattro ore su ventiquattro.

Segui la diretta

Leave a Reply