Martedì 23 agosto a Mola di Bari, alle 21.30 all’Arena del Castello, si terrà “Semplicemente Mia”, il racconto musicale dedicato a Mia Martini. La rappresentazione si inserisce nelle iniziative del Festival Agìmus e sarà portata in scena dalla cantattrice Giovanna Russo.

Il 12 maggio 1995 moriva Mia Martini, una delle voci più belle della musica italiana che il Festival Agìmus ricorda col racconto musicale «Semplicemente Mia», in programma martedì 23 agosto alle 21.30 nell’Arena del Castello di Mola di Bari, con la cantattrice Giovanna Russo accompagnata dall’Orchestra Suoni del Sud, da poco riconosciuta dal Ministero della Cultura quale Istituzione concertistico orchestrale (Ico), e la direzione di Domenico De Biase.

Interprete unica, sensibile e straordinaria, Domenica Rita Adriana Bertè, da tutti chiamata Mimì, diventa Mia Martini nel 1971, quando una sera canta al Piper di Roma. È Alberigo Crocetta, il proprietario dello storico locale, a suggerirle di farsi chiamare diversamente. La cantante si fa ispirare per il nome dall’attrice Mia Farrow, mentre il cognome viene mutuato dal celebre aperitivo italiano conosciuto in tutto il mondo. Quel giorno nasce Mia Martini, che Giovanna Russo celebra con l’Orchestra Suoni del Sud con uno spettacolo tra musica e teatro che racconta amori, passioni e dolori dell’artista attraverso i suoi grandi successi, da «Piccolo uomo» a «Minuetto», da «Gli uomini non cambiano» ad «Almeno tu nell’universo», tra i titoli scelti insieme a molti altri, tutti riarrangiati in una chiave inedita.

«Il segreto di una grande interprete – diceva Mia Martininon è avere una bella voce. L’importante è capire esattamente il senso della gioia o del dolore che stai raccontando, perché nelle canzoni si interpreta sempre un’emozione o una qualsiasi specie d’amore per qualcosa. E se non sai cosa vuol dire soffrire non puoi sapere cosa vuol dire amare. Per cui è questo il segreto: il saper dire le cose sentendole». Esattamente il punto di partenza di Giovanna Russo, che ha scelto con coraggio di calarsi nei panni di Mia Martini per raccontarne la grandezza come donna e come artista, accompagnata dai musicisti dell’Orchestra Suoni del Sud, ensemble da quindici anni impegnato nello sviluppo e nella diffusione della cultura e dell’arte anche attraverso importanti collaborazioni, come quelle con RaiUno, Mediaset, il Teatro San Carlo di Napoli e tre grandi della musica da film, Ennio Morricone, Luis Bacalov e Nicola Piovani. Impegno per il quale la formazione dauna è stata premiata, per l’appunto, dal Ministero della Cultura.

Contatta ViviBari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.