Dal 23 settembre al 3 ottobre ad Alberobello, in piazzetta Martellotta, si terrà l’ultima tappa della mostra itinerante che ha girato la Puglia in lungo e in largo, dal titolo “Pareidolìa: guardare oltre ciò che appare”. Un’esposizione costituita da15 totem alti 2 metri bifacciali raffiguranti 30 fotografie di Carlo Toma.

La mostra è stata concepita con attenzione alla digitalizzazione, i totem sono strettamente connessi al web attraverso un QR Code che, una volta scansionato dal proprio smartphone, svela la ricreazione artistica della fotografie elaborata dagli illustratori, garantendo ai fruitori una nuova  e divertente interazione.

La pareidolìa è un fenomeno istintivo che tende a vedere  forme ed oggetti  riconoscibili nelle strutture amorfe che ci circondano, siano esse le nuvole o la strana corteccia di un albero spiega Carlo Toma, autore della mostra. Poi sottolinea: “Si tratta di un vero e proprio esercizio didattico in grado di intrattenere e diventare attrazione culturale, esercizio dialettico, partecipazione attiva dei cittadini, percorso urbano che crea cultura e arreda le città con un pizzico di tecnologia che la rende interattiva, a partire dalle foto dei tronchi dell’albero d’ulivo, simbolo della Puglia“.

Gli eventi culturali sono forme d’arte in armonia con il territorio oltre ad essere tra le leve di crescita economica di una comunità. Alberobello vuole tornare ad essere protagonista nello scenario turistico internazionale con attività in grado di comunicare bellezza e unicità di un luogo singolare per fascino e attrattività‘, aggiunge Valeria Sabatelli, assessora alla Creatività. 

La mostra è organizzata dal Consiglio regionale della Puglia e si inserisce nell’àmbito delle attività culturali di Teca del Mediterraneo.

Contatta ViviBari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.