Sabato 3 febbraio a palazzo Rubino di Triggiano l’associazione Al Nour, diretta da Angela Cataldo, proporrà lo spettacolo musicale dei Mammamia, formazione composta da sei musicisti che con la loro esibizione, propongono un tributo agli Abba, lo storico gruppo svedese degli anni ’70.

La band, tra le più iconiche del periodo, si è differenziata per un sound unico e canzoni orecchiabili hanno catturato l’immaginazione di milioni di fan in tutto il mondo, e la loro influenza si fa ancora sentire in molte produzioni musicali moderne. I Mammamia ripropongono il loro spettacolo fatto non solo di musica, ma anche di coreografie e look.

Dall’estate del 2013 – ha spiegato Giuseppe Bruniproponiamo essenzialmente la riproposizione dell’album Abba Gold, il best of del gruppo svedese che vanta oltre 28 milioni di copie vendute negli anni, più qualche altro brano meno conosciuto”.

Marika Zingaro e Fiorangela Togo in voce, Roberto Antonacci alla chitarra, Lorenzo Freccia D’Urso alle tastiere, Pasquale Delle Foglie al basso e Giuseppe Bruni alla batteria riporteranno indietro nel tempo, in un divertente mondo di ritornelli, ritmi disco, paillettes e luci, senza mai omettere il lato musicale, curato nei dettagli dai musicisti.

La particolarità del nostro spettacolo, a differenza di altre tribute band – ha precisato il batterista – è che la nostra esibizione è totalmente dal vivo senza utilizzo di basi. Ancora, le due cantanti ripropongono i balletti originari di Agnetha e Frida e cerchiamo di intrattenere il pubblico anche con siparietto divertenti e leggeri”.

Brani intramontabili come “Dancing Queen”, “S.O.S.”, “Gimme Gimme Gimme!”, “The Winner Takes It All”, “Mamma mia” e tanti altri ancora saranno proposti dal vivo per riportare indietro nel tempo i presenti e riproporre un assaggio dell’artisticità degli Abba, che dopo quarant’anni di assenza dagli studi, nel 2021 hanno pubblicato il nuovo album “Voyage”.

Contatta ViviBari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *