Musica per ragazzi: il corso di Eughenia

LaCooperativa SocialeEughenia”,da sempre attenta al benessere dei ragazzi che frequentano le due strutture “Chiccolino”e “Baloo”, ha avviato un progetto musicale che miri alla crescita formativa dei ragazzi, anche dal punto di vista artistico.

La musica è lo strumento che riesce a curare l’anima.Che unisce note e persone, come un grande arcobaleno che inonda il mondo di colori. 

come adeguarsi al gdpr
Leggi l’articolo sul nuovo regolamento europeo sulla privacy

Così, dopo il laboratorio di “Arti e Mestieri” e l’orto sociale, la cooperativa Eughenia di Bitonto continua con il laboratorio musicale diretto da Claudio Buttaro, educatore barese e polistrumentista, che sta accompagnando 15 ragazzi e ragazze – di scuola media e superiore – allo studio di diversi strumenti, quali batteria, chitarra, basso e tastiera tra gli altri.

Spiega il docente, Claudio Buttaro: “Il progetto propone un innovativo metodo di accesso al canone musicale, rendendo i ragazzi protagonisti del proprio potenziale artistico e sonoro. Familiarizzare con più strumenti significa, per i ragazzi, acquisire consapevolezza riguardo l’unicità della propria sensibilità, oltre a comprendere l’importanza di fattori quali il ritmo e l’attenzione per la scrittura musicale. Tramite il gioco, si aiutano gli studenti a coordinarsi, usare una diteggiatura specifica e una modalità espressiva personale”.

Dal punto di vista puramente umano, non vedranno più i loro beniamini come lontane star inarrivabili, ma come persone che hanno trovato un modo per esprimere se stessi, creando un dialogo con i propri fan.

Ha concluso il maestro: «I ragazzi, che vengono da storie molto difficili, spesso, pensano di non potercela fare. Questo corso ha come obiettivo il rafforzamento della loro autostima, la scoperta e la valorizzazione delle loro capacità musicali. Ma anche cosa significa avere un obiettivo comune rispettando i tempi dell’altro,ascoltandosi per avere una interrelazione ed empatia con il gruppo».

Iscriviti alla newsletter di ViviBari

Leave a Reply