Musei e teatri, verso quale riapertura?

Musei e teatri vanno, finalmente, verso la riapertura. Ma con quali modalità? Da lunedì potranno aprire il sipario quelle realtà situate in aree territoriali in zona gialla, purtroppo la Puglia è ancora rossa, ma avranno l’obbligo di chiudere alle 22.

Come si sta preparando il mondo dei contenitori culturali alla ripresa delle attività? Certo, la Puglia è purtroppo ancora rossa, ormai quasi unica in Italia, ma presto, speriamo molto presto, riaprirà i contenitori culturali. Musei e teatri, ma non solo, non sono arredamento urbano né il vezzo di coloro che non hanno di meglio a cui pensare. Sono parte integrante della vita di una comunità, sono portatori sani di storia e tradizione e, non da ultimo, sono settori della nostra economia.

Non si può ancora considerare i luoghi della cultura come elementi di un comparto superfluo e, tutto sommato, sacrificabile. Quando a Churchill fu chiesto di chiudere i teatri per risparmiare e finanziare la guerra rispose: “Allora perché combattiamo?”.

Ecco, oggi alle 15, ragioneremo con addetti ai lavori, come piace a noi, per capire quali modalità avrà la riapertura di musei e teatri dopo un anno di pandemia. Insieme con me e Flavio Cellie, direttore di Apulia Web TV, ci saranno Michele Conte, presidente dell’ente del Museo Civico di Ostuni, e Roberto Signorile, titolare del “Teatro Palazzo” di Bari. Obbligo di chiusura alle 22 ma anche distanziamenti tra i posti a sedere e poi mascherine anche in sala e dispositivi igienizzanti. Cercheremo di capire da coloro che sono direttamente impegnati come si stanno adeguando alle normative. Chiederemo loro, ovviamente, anche come hanno affrontato questo anno orribile per le loro attività.

Come sempre concluderemo, a noi che piace il giornalismo delle soluzioni, con uno sguardo al futuro. Ad esempio, alla proposta di utilizzare i biglietti di uno spettacolo come certificazione per rincasare dopo le 22. L’estate al sud, e la Puglia non fa eccezione, non prevede ritirate da Corea del Nord. Allora sarà bello tracciare i confini di una bella stagione, ci auguriamo che lo sia per davvero, che segni la fine almeno dell’emergenza, visto che per il termine della pandemia dovremo aspettare ancora se il piano vaccinale proseguisse ancora con tempi così lunghi.

Guarda la diretta

Iscriviti alla newsletter

Leave a Reply