A tre anni dalla prima edizione torna a Bari il festival “Educare alla letteratura“, iniziativa dedicata alla promozione della letteratura di qualità attraverso molteplici azioni sul territorio rivolte a minori e adulti di ogni età a partire dai primi mesi di vita. Il festival, che si svolgerà in forma diffusa in diversi luoghi della città in un arco di tempo compreso tra settembre e novembre.

Il progetto, ideato e realizzato dall’associazione culturale Leggere Coccole e da Spine Bookstore, con il patrocinio gratuito del Comune di Bari e il contributo economico del Centro Commerciale Mongolfiera Santa Caterina, main sponsor del festival, propone al pubblico e agli addetti ai lavori un programma fitto di eventi che si svolgeranno dal 9 settembre all’11 novembre. La città di Bari farà da scenario ideale per una manifestazione di respiro nazionale che va a inserirsi in un programma mai così ricco di iniziative.

L’iniziativa, che si rivolge a bambini/e, ragazzi/e, famiglie, amanti della lettura, educatori e professionisti della didattica, propone diverse tipologie di eventi che si dirigono verso un unico obiettivo, illustrato da Mari Lacalamita, ideatrice del festival : “Educare alla letteratura non è solo il nome di un Festival, ma un obiettivo che ci coinvolge come operatori, genitori, insegnanti: negli ultimi anni la consapevolezza in merito all’importanza della lettura è cresciuta ma è fondamentale saper riconoscere la letteratura e permettere alle bambine e ai bambini di incontrarla. Solo in questo modo l’atto di leggere può diventare un gesto potentissimo, in grado di arricchire il linguaggio, il pensiero, la vita stessa di chi lo compie“. Si partirà il 9 settembre con un evento gratuito per famiglie all’interno del Centro Commerciale Mongolfiera Santa Caterina: una staffetta di letture che avrà come ospite d’onore l’attrice e performer Susi Danesin, in arte Silent Susi. Come avviene nella celebre disciplina olimpica, l’attività prevede un costante passaggio di testimone tra l’attrice, gli educatori, i genitori e i/le bambini/e che saranno coinvolti in un “cerchio di letture” e condivideranno la lettura di una selezione di albi illustrati. Danesin condurrà, nei due giorni successivi, due corsi di formazione per insegnanti e addetti ai lavori sulla pratica della lettura ad alta voce e concluderà la sua permanenza con lo spettacolo teatrale 4 seasondedicato all’omonima opera di Antonio Vivaldi che si terrà al Granteatrino Casa di Pulcinella di Bari il giorno 11 settembre alle ore 18.00 (prenotazioni già attive sul circuito Vivaticket).

Il 23 e 24 settembre ci si sposterà allOfficina degli Esordi che per l’occasione ospiterà una serie di incontri e laboratori dedicati al lavoro della casa editrice Settenove, una casa editrice fondata per educare al genere e alla diversità fin da piccolissimi, promuovere l’educazione paritaria e contribuire allo sviluppo di un immaginario libero da stereotipi. Ospiti degli incontri saranno la fondatrice della casa editrice Monica Martinelli e l’illustratrice Alicia Baladan, che per Settenove firma le immagini degli albi Un cielo di lentiggini (2019) e Non siamo angeli (2022). Le tavole di Non siamo angeli saranno esposte in una mostra a ingresso gratuito negli spazi dell’Officina degli Esordi, casa della libreria Spine. Monica Martinelli sarà, inoltre, protagonista nelle stesse giornate di un incontro con gli studenti delle scuole di Bari nella Biblioteca dei ragazzi-e per una chiacchierata in cui fornirà degli strumenti per riconoscere una storia senza stereotipi. La narrazione dei corpi invece sarà il punto da cui partirà per il focus rivolto ad insegnanti, educatori e addetti ai lavori. Il 28 e 29 ottobre, sempre all’interno dell’Officina degli Esordi di Bari, saranno presentati al pubblico le prime due pubblicazioni della nuova collana per il marchio Babalibri denominata Educazioniincentrata sulla saggistica per adulti, per consentire una riflessione sui metodi educativi e pedagogici. All’incontro saranno presenti il direttore di collana Francesco Cappa e l’editrice Francesca Archinto per la presentazione dei primi due titoli: Forse un drago nascerà di Giuliano Scabia, che è stato poeta, scrittore, drammaturgo, docente universitario, e La scoperta come apprendimento di John Foster, che ha scritto oltre cento libri di didattica e pedagogia.

Il festival si concluderà l’11 novembre nel Centro Polifunzionale dell’Università degli Studi di Bari con la tavola rotonda denominata “Dai generi al genere” alla presenza di esperti provenienti da tutta Italia nell’ambito delle scienze, della letteratura e della pedagogia. I temi che saranno discussi riguarderanno il dibattito sul genere e sul contributo che la letteratura per l’infanzia ha apportato e può apportare su un tema delicato e attuale.

Contatta ViviBari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.