Rottamazione bis, occasione da non perdere

Rinnovata anche per quest’anno, con DL 148/2017, la definizione agevolata delle cartelle di pagamento detta anche “rottamazione bis” .

Il provvedimento, però, a differenza del precedente si rivolge ad una platea più ristretta:

– a coloro che sono stati esclusi dalla vecchia rottamazione e non hanno potuto definire alcune cartelle di pagamento in quanto non rispettavano talune condizioni previste;

– a coloro che pur avendo i carichi rientranti nella definizione agevolata non hanno potuto onorare le scadenze stabilite per le rate concesse e, infine,

– a coloro che vogliano definire carichi conferiti all’ente di riscossione nel 2017.

 Il legislatore permette, in particolare, una definizione a tre vie:

ripescaggio per chi aveva dei piani in corso al 24 ottobre 2016 ed è stato impossibilitato a saldare nei termini stabiliti le relative rate scadute, condizione necessaria per l’accesso alla vecchia rottamazione;

– riapertura per chi ha aderito alla vecchia rottamazione delle cartelle ma non è riuscito a pagare l’unica o prima rata di luglio o la seconda rata di settembre o entrambe;

– nuova rottamazione per chi volesse procedere alla definizione agevolata delle cartelle affidate all’Agenzia delle Entrate-Riscossione (fino al 30.06.2017 ex Equitalia) tra il primo gennaio e il 30 settembre 2017.

E’ sicuramente un’opportunità da prendere al volo per chi vi potrà e vorrà rientrare poiché permetterà di ridurre, e in alcuni casi stralciare, la propria posizione debitoria verso l’ente di riscossione e “riprendere un po’ di fiato”.

Per massimizzare il vantaggio economico sarà in ogni caso opportuno effettuare una valutazione di convenienza sulla rottamazione di ciascuna cartella a proprio carico.

Contattami per saperne di più

Leave a Reply