Insegnante e imprenditrice agricola per tradizione famigliare, Cinzia Valerio ha avviato ufficialmente la sua campagna elettorale da sindaca con l’inaugurazione del comitato a Castellana Grotte. A sostenerla quattro liste civiche, con un orientamento politico di area progressista.

In questa tornata elettorale si sta confermando il trend che vede i partiti non presentarsi ufficialmente alle competizioni amministrative. Anche Castellana Grotte non fa eccezione, il Partito Democratico, ad esempio, ha deciso di fare un’unica lista insieme all’associazione Fare&Innovare.

Non ha paura di dichiararsi dell’area progressista, invece, la candidata Cinzia Valerio che racconta i punti principali del programma: “Innanzitutto, il connubio tra cultura e turismo come volano di sviluppo dell’economia locale. Questo vuol dire massima cura e attenzione per le grotte. Sono consapevole che lo dicono tutti, da anni, ma proprio perché le cose non sono migliorate è il momento di occuparsene davvero. Abbiamo un sistema di accoglienza e di gestione delle grotte che è fermo al secolo scorso“. Servono una serie di misure che le rendano sempre più appetibili, anche online dove ormai viaggiano gli utenti, dove si informano e decidono. Insiste Valerio: “La sfida non è solo portare turisti ma creare un’esperienza positiva per loro. Riuscire a ottimizzare anche il sistema di prenotazione dei biglietti, magari collegandolo alla possibilità di prenotare un hotel o un ristorante“.

Poi il welfare, dopo due anni di pandemia un aspetto centrale per le amministrazioni locali. Spiega la candidata sindaca: “L’organico comunale è troppo esiguo, bisogna lavorare per implementarlo. Da madre di due bimbi, poi, non posso che puntare a una città a misura dei più piccoli. Un luogo sempre più sostenibile e caratterizzato da una mobilità che non sprechi e sia congeniale agli obiettivi della comunità. Con particolare riferimento al centro storico, cuore della nostra storia“. Infine, anche l’attenzione verso i più fragili: “Ci siamo dati l’obiettivo di sostenere iniziative che coniughino il lavoro con le persone portatrici di disabilità. Il pubblico deve promuovere non solo buone pratiche ma anche, anzi soprattutto, portare alla conoscenza di tutti gli strumenti più adatti”.

Contatta ViviBari

By Gennaro Del Core

Comunicatore, giornalista e consulente in relazioni pubbliche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.